Isterosalpingografia. Ne avete mai sentito parlare?

INEBIR-02-ernestovillalba-1156

Ci sono terminologie mediche che appaiono inevitabilmente complesse. La lingua italiana, è ricca di sfaccettature. E per questo può diventare ancor più criptica alle orecchie di un pubblico che non “mastica” un vocabolario scientifico.

L’Isterosalpingografia, ad esempio, pur essendo uno degli esami tipici per le donne che eseguono accertamenti riguardanti l’infertilità, è appunto una di queste nomenclature.

Hýsteros (ὕστερος), “posteriore”, “che viene dopo”, salpinx (σάλπιγξ) “tuba” (riferimento alle “Tube di Falloppio”, i canali che collegano l’utero alle ovaie), grafìa (γραϕία, der. di γράϕω), “scrivere”.

Etimologia (guarda caso) che deriva, come sovente accade, dal greco antico.

Ne parlo, perchè è tra le indagini principali che permettono a un ginecologo come me, specializzato nella fisiopatologia della riproduzione umana, di ottenere informazioni sulla morfologia dell’apparato genitale femminile. Nella diagnosi differenziale delle cause di ipofertilità assume un’importanza fondamentale. Continua a leggere “Isterosalpingografia. Ne avete mai sentito parlare?”

L’importanza della selezione degli embrioni: qual è il miglior momento per trasferire gli embrioni? (Giorno 3 vs giorno 5)

001

A chi ha la pazienza di seguire questo blog (con affetto, che ricambio in maniera sincera), ho già parlato di quanto sia delicato affrontare taluni argomenti.

La coltura embrionale, pur nella sua naturalezza, è precisamente uno di questi. A costo di sfiorare la didascalia nel documentarvi, allora, provo a spiegarmi nel dettaglio.

Magari, dandovi cenni ulteriori intorno alle tecniche di fertilizzazione in vitro (FIVET e ICSI). Esse prevedono che l’embrione formato dall’unione di ovocita e spermatozoo venga conservato in laboratorio con apposite procedure, prima di essere trasferito nell’utero.

Ça va sans dire, che il risultato (l’esito dei cicli) dipenderà dalla maniera in cui tali procedure saranno applicate. Assieme alla perizia e all’esperienza dei professionisti, destinati a gestire questo momento intimo e profondo. L’integrazione dei materiali e delle attrezzature impiegate, poi farà il rimanente. 

L’embriologo (il biologo specializzato nella gestione e nella valutazione degli embrioni) resta indiscutibilmente la figura chiave di questo fondamentale passaggio. Continua a leggere “L’importanza della selezione degli embrioni: qual è il miglior momento per trasferire gli embrioni? (Giorno 3 vs giorno 5)”